agopuntura

L’agopuntura secondo la medicina cinese

L’agopuntura, descritta con dovizia di particolari nel sito www.agopunturatorino.org, è una disciplina che possiede basi teoriche molto complesse e antiche. Secondo la Medicina Tradizionale Cinese (MTC) esiste un “soffio vitale” o “energia vitale” – denominato qi – che circola nell’organismo lungo specifici tragitti, chiamati per l’appunto “canali” o “meridiani”. I meridiani sono dodici, ciascuno connesso con un determinato organo del corpo; esistono poi otto meridiani “straordinari” che completano l’azione di quelli regolari, proteggendoli o entrando in funzione in condizioni di emergenza.

La MTC descrive poi i “fattori patogeni”, classificandoli in esterni, come quelli di natura climatica, ed interni, come quelli derivanti da un’errata alimentazione o da squilibri emotivi: tali fattori alterano lo scorrimento del qi all’interno dei meridiano, traducendosi a lungo andare nelle patologie che conosciamo. La MTC considera l’agopuntura una tecnica in grado di rimuovere i fattori patogeni e ristabilire un corretto equilibrio dell’organismo.

LO YIN E LO YANG

Un altro concetto cardine della MTC è quallo di yin e yang: tutto ciò che conosciamo è classificabile in yin e yang, così come gli elementi e le funzioni del corpo umano. Lo yin ad esempio è una qualità di ciò che si trova all’interno, di ciò che è freddo…così come lo yang si riferisce a ciò che si trova all’esterno, al calore e così via; gli stessi meridiani sono classificati in yin e yang, così come gli organi ed anche i fattori patogeni.

Questi due elementi sono sempre in equilibrio, si controllano a vicenda, si completano e si trasformano l’uno nell’altro: in caso di patologia, tale delicato equilibrio si perde, e si osserva una prevalenza dell’uno sull’altro. Ad esempio, quando il corpo presenta segni di calore o di forte agitazione, esiste una netta prevalenza dello yang sullo yin. L’agopuntura ristabilisce l’equilibrio tra yin e yang, rinforzando l’elemento carente, oppure riducendo quello in eccesso.

I PUNTI DI AGOPUNTURA

Esistono 351 punti di agopuntura dislocati sui meridiani regolari: ognuno di essi agisce in modo specifico su un meridiano o un organo, talora su più meridiani e più organi contemporaneamente, come nel caso degli agopunti più potenti. Ogni punto possiede poi una selettività d’azione su uno o più fattori patogeni, eliminando il calore, il freddo, l’umidità, o il vento. La medicina cinese postula che ogni organo possiede una parte fisica ed una psichica – secondo una visione olistica – per cui non deve stupirci che i punti di agopuntura siano anche in grado di regolare la sfera emotiva e mentale, curando efficacemente svariati disturbi psichici come l’ansia e la depressione

Il DEQI

In agopuntura è possibile stimolare i punti attraverso svariate tecniche, anche solo con la digitopressione, ma senza dubbio la metodica più efficace ed associata ai migliori effetti terapeutici è l’agopuntura. Affinché la metodica riesca, è necessario stimolare l’ago in modo da ottenere una particolare sensazione – consistente in una scossa, in un formicolio o in un senso di pesantezza – che si propaga lungo il meridiano di appartenenza, e che indica un’appropriata stimolazione del sistema nervoso.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *