Il modo semplice per imparare a cucinare

Come fare per imparare a cucinare passando dai primi piatti ai dolci? Se non c’è tempo per iscriversi ad un vero e proprio corso di cucina e si vuole prendere qualcuno per la gola, o semplicemente fare bella figura per un pranzo con amici e parenti, ci si può affidare ai tutorial che si trovano su internet e seguire passo dopo passo le indicazioni degli esperti.

Siti come Cucineconvista.it, infatti, offrono a ciascun aspirante chef la possibilità di cucinare piatti gourmet ed accontentare anche i palati più esigenti. I trucchi di chef e pasticceri si imparano, infine, anche in tv. Numerosi sono i programmi culunari dove vengono insegnate ricette prelibate anche se bisogna far attenzione a tutti gli ingredienti e a chi, magari, non svela qualche passaggio chiave.
Chiunque voglia fare bella figura a tavola deve sapere che partendo da ricette semplici e alla portata di tutti, leggendo bene gli ingredienti e le fasi del procedimento per la realizzazione, si possono presentare squisiti manicaretti.

Imparare a cucinare può diventare davvero semplice e divertente soprattutto se non si pretende di realizzare piatti in stile Carlo Cracco o Antonino Cannavacciuolo. Per preparare antipasti, primi, secondi di pesce o carne, contorni, ma anche ricette dolci basta un pizzico di attenzione ed un po’ di amore e passione. Frutta, verdura, carne e pesce possono essere proposte in ricette semplici e anche leggere. I trucchi e le tecniche usati dai grandi chef possono insegnare a preparare piatti sani e light che aiutano a stare in forma e sono in grado di deliziare il palato. Alla base di un buon piatto, però, c’è sempre la scelta di un prodotto di ottima qualità. A far la differenza è quindi la conoscenza degli ingredienti che si andrà a preparare e la capacità di distinguere fra di essi quali siano quelli migliori.

Cucinare primi paitti

Chi ha detto che cucinare i primi sia difficile? Non bisogna farsi spaventare da deliziosi piatti di pasta o da succulenti zuppe. Se si cerca un primo piatto ad effetto, senza attingere dalle varie tradizioni regionali, ad esempio, si può optare per un gustoso risotto all’ortica. In questo modo si stupiscono amici e parenti grazie ad un ingrediente particolare, che in pochi conoscono.

Per quattro persone servono:

  • 300 grammi di cime di ortica
  • 350 grammi di riso
  • mezza cipolla bianca
  • mezzo bicchiere di vino
  • del brodo vegetale
  • sale e pepe, ma anche un po’ di olio, burro e parmigiano per la mantecatura.

La preparazione è semplicissima, ma non si deve dimenticare di indossare i guanti. L’ortica è infatti una pianta urticante che va lasciata a bagno in acqua e bicarbonato e che poi va cotta in acqua e sale. Per stupire la vostra dolce metà, invece, potreste preparare ottimi rotolini di crespelle al salmone. L’unica difficoltà di questa ricetta sta nel non rompere la crespella ed evitare, mentre la si rigira durante la cottura, di spiaccicarla o sul soffitto o per terra. Fra gli ingredienti servono semplicemente:

  • 200 grammi di salmone affumicato
  • 100 grammi di formaggio spalmabile
  • 100 millilitri di latte
  • 40 grammi di farina 00
  • 2 uova
  • noce moscata
  • sale burro ed un rametto di aneto.

Per preparare la crespella bisogna sbattere energicamente le uova in una terrina ed aggiungere al composto latte, farina, un pizzico di sale e uno di noce moscata senza mai smettere di mescolare.

Ricetta per cucinare facilmente gustosi secondi piatti

Imparare a cucinare un secondo piatto è ancora più semplice soprattutto se si opta per bocconcini di pollo al sesamo.

Servono:

  • 400 grammi di petto di pollo
  • un uovo
  • 50 millimetri di latte, farina e semi di sesamo
  • salsa si soia, lattughino, limone, olio extra vergine di oliva ed un pizzico di sale fino.

Questo piatto dal gusto orientale è in grado di stupire e deliziare ogni palato. A volte, oltretutto, se si riduce la grandezza dei bocconcini di pollo può essere usato anche come antipasto perché si presta molto bene alla convivialità.

Preparare dei dolci squisiti

Perfino imparare a cucinare i dolci è semplicissimo. Una torta di carote, adatta anche ai celiaci, una semplice torta di mele o una tenerina al cioccolato si prestano ad essere presentate in tavola in due formati diversi: o come semplice torta o come muffin o mini cupcake. L’impasto è sempre quello, a cambiare è solo la grandezza del contenitore che lo contiene ed il tempo di cottura. Ancor più semplici, ma di grande effetto, sono, invece, i crostini di pane all’uva e fichi.

Servono:

  • sei fette di pane all’uva o sei fette di pane brioche
  • 6 fichi ben maturi, due uova
  • 3 cucchiai di zucchero
  • mezzo bicchiere di latte
  • rum quanto basta
  • un pizzico di cannella ed uno di sale ed infone 50 grammi di burro.

Per la preparazione, invece, si devono sbattere le uova in una terrina aggiungendo, poi, due chucciai di zucchero, un goccio di rum, latte e un pizzico di sale.

Dopo aver mescolato bene il tutto si può immergere nel composto ottenuto ogni fetta di pane. La ricetta si conclude affettando i fichi lavati, ma non sbucciati, ed adagiandoli sulle fette di pane dopo averi fatti rosolare entrambi in padella per uno o due minuti. Questo piatto deve essere servito subito. Come avrebbe detto, qualche tempo fa, Benedetta Parodi, infatti, si parla di un dessert “cotto e mangiato”.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *