forex

Forex, perché i grafici possono essere di grande supporto

Gli italiani sono molto attenti alla cura dei propri risparmi. Un atteggiamento più da formica che da cicala, che consente al nostro paese di risultare solvibile agli occhi della grande finanza internazionale nonostante l’enorme debito pubblico, il più elevato in termini assoluti dell’intero Vecchio Continente. Non c’è da stupirsi, quindi, che il trading online, ovvero allocare i propri risparmi tramite il web, sia diventata la via privilegiata dai risparmiatori nostrani.

Oltre al risparmio economico, infatti, il trading online consente di poter accedere ad un numero maggiore di asset finanziari. Oltre ai mercati azionari e obbligazionari, già reperibili tramite gli sportelli bancari dislocati nel nostro paese, le piattaforme di trading consentono di poter acquistare strumenti finanziari diventati ormai noti alla maggior parte degli italiani come cfd, criptovalute, etf e forex.

Forex: come individuare i migliori punti di entrata e uscita

Quest’ultimo è l’asset più gradito ai trader di tutto il mondo, indipendentemente dalle competenze finanziarie e disponibilità finanziarie in loro possesso. Il Forex, d’altro canto, è il mercato più liquido al mondo, grazie agli oltre 4000 miliardi di scambi che avvengono giornalmente, dando modo ai risparmiatori di disporre della ragionevole certezza di poter trasformare prontamente in liquidità il denaro investito.

Col passare del tempo, gli operatori finanziari che consentono di investire nel Forex sono cresciuti sensibilmente, mettendo i risparmiatori talvolta in difficoltà nella scelta di quello più congeniale alle loro esigenze. Siti come zonatrading.it/forex/, invece, sono nati con l’intento di agevolare l’utente nella scelta, segnalando i broker più affidabili e dando alcuni utili consigli su quali siano le migliori strategie da adottare nel mondo del Forex.

Un utile suggerimento, ad esempio, è quello di affidarsi all’utilizzo dei grafici, che sono l’essenza più pura del trading e rappresentano il miglior supporto quando si decide di approcciare al Forex. Questo mercato, infatti, ben si presta alle più svariate strategie, andando incontro a quegli investitori che, accettando anche un rischio non contenuto, decidono di aprire posizioni di breve termine.

Lo scopo principale dell’utilizzo dei grafici, è quello di fornire una lettura al trader su quali siano i migliori punti di entrata nel mercato e quelli di uscita, per arginare perdite o evitare che il guadagno acquisito venga dilapidato. Nel Forex, oltretutto, le oscillazioni sono spesso sensibili: il rischio di vedersi tramutare un guadagno in una perdita, non è certamente utopistico, specie se si investe in coppie di valute “periferiche.

I grafici Forex più importanti e famosi nel mondo

I grafici del Forex, afferenti al mondo dell’analisi tecnica, non sono altro che lo studio di tutti i dati ricavabili dall’andamento storico di una coppia di valute in un determinato periodo di tempo, per poter carpire quale possa essere il prezzo futuro della stessa. Uno strumento, di conseguenza, decisamente importante nell’attività di ogni piccolo o grande risparmiatore che opera nel mondo del Forex.

Il grafico più comunemente utilizzato quando si fa trading sul Forex, è quello lineare. Esso, come facilmente desumibile dalla parola stessa, è piuttosto semplice da analizzare, perché consente, a prima vista, di poter individuare il trend relativo ad una determinata coppia valutaria: grazie ad esso si può comprendere se la previsione sia rialzista, ribassista o laterale. Tuttavia, il grafico lineare non consente di definire, adeguatamente, la volatilità di un asset o di un mercato.

I trader più esperti, infatti, preferiscono optare per le cosiddette “candele giapponesi”, di norma estremamente più precise rispetto a quello lineare. Anche il grafico a barre è tra i prediletti dai trader più appassionati al mondo del Forex, in quanto contiene una significativa mole di informazioni estremamente utili nella operatività in questo asset.

Autore dell'articolo: Redazione